La Réjouissance

La Réjouissance Orchestra giovanile di Treviso e del Veneto

Nata nel 1997 su iniziativa di un gruppo di genitori, si è progressivamente arricchita di nuove presenze fino alla configurazione attuale di orchestra sinfonica, comprendente tutti gli strumenti. È composta da circa 60 giovani tra 10 e 20 anni, provenienti da molteplici esperienze musicali. Si esibisce inoltre anche in organico ridotto e in gruppi da camera.

Dal 2002 ha tenuto concerti in tutta Italia: Puglia, Campania, Lazio, Umbria, Toscana, Lombardia, Emilia, Alto Adige e Veneto, invitata in prestigiosi teatri come il Comunale di Treviso e di Vicenza, il Sociale di Rovigo, il Teatro Verdi e il Teatro della Pergola di Firenze, il Goldoni di Venezia. È comparso a fianco di artisti tra i quali Katia Ricciarelli, Francesca Patanè e Giovanna Nocetti, oppure per onorare ospiti come Rita Levi Montalcini. Ha collaborato con le attrici Marta Dalla Via e Federica Rosellini (premio NUOVOIMAIE Talent Award al festival di Venezia 2017).

Ha partecipato a rassegne internazionali, ha registrato programmi per la RAI ed è stata diretta da noti arrangiatori come Pinuccio Pirazzoli, Davide Masarati e Mike Applebaum che hanno scritto appositamente brani originali e arrangiamenti.

Ha prodotto progetti speciali e di grande successo tra i quali “Rockquiem”, una rivisitazione metal del capolavoro mozartiano con 150 giovani esecutori sul palcoscenico.

Dal 2005 l’orchestra è inoltre “testimonial UNICEF”.

È diretta dal M° Elisabetta Maschio

L’orchestra così strutturata è un grande contenitore di valori:

è un simbolo di democrazia, poiché i grandi aiutano i piccoli e ognuno, facendo bene ciò che può fare, collabora alla realizzazione di uno straordinario risultato finale;

di disciplina, poiché chi suona uno strumento conosce il valore dei piccoli sacrifici e vede presto concretizzati i frutti del proprio impegno;

di tolleranza, poiché nessuno è un bambino o ragazzo prodigio ma la normalità produce prodigi nella composizione dei vari gradi di talento e nel rispetto dell’altro;

di speranza perché le giovani generazioni abbracciando l’arte come coscienza della vita, fioriscono in serena fortezza;

di amicizia, poiché i momenti di studio, alternati a quelli di incontro sono terreno di confronto e di dialogo.

www.rejouissance.it